fbpx
a
Image Alt
 • Identità  • IL SILENZIO DEGLI ADOLESCENTI: METTITI NEI LORO PANNI

IL SILENZIO DEGLI ADOLESCENTI: METTITI NEI LORO PANNI

La maggioranza della persone (sia genitori che non) pensano che gli adolescenti siano spesso incomprensibili, ingestibili ed incostanti..

In parte è vero in quanto gli adolescenti attraversano un periodo di cambiamento in cui subiscono una notevole metamorfosi fisica e psicologica: si allontanano dal mondo spensierato dell’infanzia per percorrere la faticosa strada della crescita ed entrare così nell’età adulta. 

Gli adolescenti però hanno anche tanto da insegnarci: con loro scopriamo nuovi modi di esprimersi (con la parole, i gesti, il modo di vestirsi), attività di cui non immaginavamo nemmeno l’esistenza, diverse prospettive riguardo ad una stessa tematica. Insomma ci arricchiscono, ci aggiornano ed esprimono i cambiamenti nel presente.


ESSERE POSSEDUTI DALL’ ADOLESCENZA

Già il termine stesso ci dice tutto : adolescente viene dal latino adolescens -entis , il quale significa ‘in via di crescita’.  

Erikson ci parla di questa fase di vita come una delle più complicate: l’adolescente deve fare i conti con la formazione della propria identità, in bilico fra il bisogno di protezione e quello di indipendenza. 

Per acquisire una sua personalità, corrispondente ai suoi valori e contemporaneamente ai suoi bisogni, il giovane “prova” una serie di ruoli. 

Oltre a dover fare i conti con se stesso, si trova a confrontarsi con altri due mondi: con quello dei pari (dal quale cerca approvazione ed inclusione) e quello degli adulti (dal quale vuole distaccarsi, ma che- allo stesso tempo- ha ancora bisogno come scudo).

Insomma, essere adolescente è un lavoro piuttosto complicato.

 

L’ABBIGLIAMENTO COME GIOCO DI RUOLO

Per la costruzione dell’identità l’adolescente testa diversi ruoli: questo processo avviene anche tramite la moda.  

Perché moda ed adolescenti sono così strettamente legati fra loro?

Gli adolescenti sono in continuo cambiamento, il quale porta a varie evoluzioni.  La moda, come gli adolescenti, muta sempre e non è mai uguale a se stessa. 

Dunque, quale miglior modo per un adolescente di esprimersi se non tramite la moda, la quale permette di esprimere questa mutevolezza al 100%? 

Questo le aziende lo hanno capito. Infatti, i giovanissimi sono spesso al centro delle loro campagne pubblicitarie.

Un adolescente, grazie alla moda, può esprimere il suo stato d’animo giornaliero, cambiando ogni giorno e senza necessariamente confinarsi in un’unica etichetta.

 Lo stile tramite il quale si presenta  esprime sia le necessità comunicative come singolo ma anche il bisogno di inclusione(e quindi alimentare il senso di appartenenza) o di esclusione(dunque affermare la propria diversità ed unicità) da un determinato gruppo dei pari. 

Pensate che tutto ciò sia qualcosa di effimero e poco realistico?

Magari pensate che tutto ciò non vi ha mai riguardato?

 Possiamo rimediare con degli esempi pratici, ricordando alcuni stili degli anni 2000:

  • Stile “metallari”
  • Stile Emo 
  • Stile Truzzi 

O ancora, uso di:

  • Determinati marchi (Angel&Devil,Puerco Espin,Dimensione Danza, Baci&Abbracci,Fornarina ecc),
  • Jeans a vita bassissima,
  • Occhiali Carrera,
  • Converse in tela di ogni colore e fantasia possibili,
  • Kefiah (tutti ne abbiamo avuta almeno una nella vita e chi dice di no mente),
  • Mutande con elastico in evidenza,
  • Frangetta liscia e capelli ricci ecc ecc.

Non mentite: anche a voi,leggendo questo elenco, è venuta in mente qualche vecchia foto che al solo pensiero vi fa sorridere! 

 

IO SCELGO E QUINDI SONO ADULTO

Essere adolescenti  e tutto il frastuono accompagna questo periodo è un normale processo di transizione che tutti viviamo e/o abbiamo vissuto. 

I giovani sono alla continua ricerca di chi vorrebbero diventare e hanno la necessità di trovare il giusto equilibrio fra la tendenza al conformismo (per essere riconosciuto dai pari) e bisogno di esprimere se stesso. 

Per l’adolescente il suo corpo e quindi il suo abbigliamento sono un potente strumento di comunicazione anche quando le parole e i pensieri sono confusi. Questo gli viene in soccorso, soprattutto in quei momenti in cui non ama confrontarsi con gli adulti (pensiamo ai lunghi silenzi messi in atto come forma di protesta, fastidio, diffidenza, rabbia o vergogna).

È il suo modo di dirci “Io sono questo e sono adulto perchè scelgo per me”, questo lo avvicina al mondo degli adulti.  

Ecco perchè è fondamentale che il giovane possa scegliere ciò che vuole indossare da solo. Tendenzialmente si pensa che  sia semplicemente  una questione di gusto, dietro c’è molto di più.

L’adolescente dovrebbe scegliere in autonomia poiché, proprio grazie a questa “indipendenza” , gli diamo l’opportunità di trasmetterci il messaggio reale, quello che parte dal suo mondo interiore e non quello impostogli da figure esterne. 

 

LA MODA COME LINGUAGGIO NEGLI ADOLESCENTI

Gli adolescenti risentono di molte influenze e anche la scelta di seguire una tendenza piuttosto che un’altra ci dice molto di loro e del gruppo a cui  appartengono o vorrebbero appartenere.

Inoltre, lasciandoli scegliere in autonomia, gli si concede di allenare l’abilità di decision making e il senso di responsabilità verso se stessi e le proprie scelte.

Il loro universo spesso appare incomprensibile agli adulti perché indagarlo richiederebbe rimettere in discussione strutture mentali consolidate nel tempo. 

L’istinto “dei grandi” è quello di dare la soluzione: in realtà non c’è nulla da risolvere ma solo da attraversare con consapevolezza: ci si ritrova davanti ad una piccola persona che cerca il suo posto nel mondo, con tanta fatica ed instabilità. 

La moda  ci consente di avvicinarsi agli adolescenti, di capire senza essere invadenti. 

Indagando il perché piace un determinato stile, che emozioni fa provare, a chi/cosa si ispira possiamo scoprire tanto della loro identità in costruzione e delle loro emozioni.

Lasciare libero un adolescente di vestirsi gli permetterà attraverso queste piccole decisioni prese quotidianamente di prendersi delle responsabilità e quindi di diventare un giovane adulto che messo davanti a scelte più importanti avrà la capacità di prendere decisioni, mosso da valori, bisogni ed idee proprie o semplicemente un adulto che si esprime con colori e stile personali!

 

Questo articolo è stato scritto da: Chiara Fraumeni @psicofrau

LASCIACI UN COMMENTO